3 Tool per moltiplicare i tuoi link nella Bio di Instagram

Dai, non fare quella faccia.
Anche a me sta sull’anima il fatto che su Instagram abbiamo a disposizione solamente un link cliccabile. A parte il fatto che si stanno muovendo un sacco di cose oltreoceano, per il momento dobbiamo fare con quello che abbiamo.

Per fortuna, ci sono alcuni tool che ci vengono in aiuto se vogliamo moltiplicare i link presenti nella nostra Bio. Impossibile, dici? E invece no, e ti dirò: si può fare e anche con discreto gusto.

Opzione 1: LINKTREE.

Con questo tool puoi generare uno shortlink brandizzato che verrà inserito nella BIO del tuo profilo Instagram – e fin qua niente di nuovo sotto al sole: “Non potevo usare uno dei 100 link shortener esistenti?”, dirai giustamente.

Il prodigio avviene dopo il click: verrai reindirizzato su una landing page (altamente personalizzabile nella versione a pagamento ma più che onorevole nella versione free) che può contenere fino a 5 link personalizzati. Puoi, volendo, montare anche il Pixel di Facebook nella pagina contenente i tuoi link (feature a pagamento).

Chiaramente questo shortener fa tutto quello che fanno anche gli altri: tiene traccia di quante volte vengono cliccati i singoli link e quante volte viene cliccato il link “globale” – solo versione a pagamento. Quest’ultima clausola è abbastanza frustrante, in effetti. Puoi ovviare copiando lo shortlink brandizzato e creandone uno nuovo presso servizi come bit.ly, per esempio. Metodo scomodo per la data collection, ma free.

C’è però da dire che, per il servizio e le opzioni che offre, la fee richiesta (6$/mese) da Linktree è più che onesta.

 

OPZIONE 2: LNK.BIO

Versione un po’ più “laccata” rispetto a LINKTREE, propone un’interfaccia più pulita ma fondamentalmente feature molto simili al competitor, con la grande differenza che però non è possibile montare il Pixel di Facebook. D’altra parte, puoi aggiungere quanti link vuoi – anche se non ti consiglierei di moltiplicare troppo le possibilità di scelta del visitatore: in generale non è molto conveniente dal punto di vista della strategia di conversione.

OPZIONE 3: LINKINPROFILE

Linkinprofile è sicuramente il tool che propone la landing page più accattivante, in quanto è possibile creare dei link e “legarli” visivamente ai tuoi post di Instagram. Buona la dashboard con gli Insights, ottimo il fatto che i post possano essere visti sia singolarmente che con un colpo d’occhio, come in una sorta di “profilo Instagram alternativo”.

PER MOLTI MA NON PER TUTTI

Questi “moltiplicatori” di link sono indubbiamente utili, ma vanno inseriti con intelligenza nella tua strategia. Devi prima di tutto riflettere se avere più di un link nella BIO ti è utile: potresti invece voler far atterrare il visitatore su una pagina specifica, dunque aggiungere un passaggio e moltiplicare le possibilità di scelta dell’utente non fa al caso tuo.

Diverso potrebbe essere se fai affiliate (anche se probabilmente vorrai utilizzare tool più dedicati a questo scopo), hai un e-commerce, se hai un blog e vuoi creare una sorta di “raccolta” tematica che richiami nei caption dei singoli post di Instagram.

Lo “svantaggio” è comunque uno: richiedi all’utente un passaggio in più in cui potrebbe “perdersi”. Se il gioco vale la candela, sta a te deciderlo. E ricorda: per capirlo non tirare la monetina ma sperimenta e fatti guidare dagli insights!

By | 2018-03-19T20:57:47+00:00 febbraio 27th, 2018|marketing|