IL TUO VIDEO STUDIO PER I SOCIAL A BUDGET ZERO (O QUASI)

Ok, il 2018 non sarà l’anno dei video su Facebook. Ma probabilmente vorrai portare contenuti video di qualità al tuo pubblico, anche solo per il fatto che potrai sfruttare le visualizzazione per fare del sano RETARGETING su chi ha visto una determinata percentuale sul tuo video. Probabilmente ti stai chiedendo di cosa tu abbia bisogno.

Ho buone notizie per te: per produrre video di qualità più che buona non hai bisogno di accendere un mutuo. No, nemmeno di chiedere un prestito.
In questo articolo ti spiegherò come ottenere un risultato soddisfacente a budget 0 (o quasi). Se vuoi investire di più, nei prossimi articoli troverai qualche dritta su che tipo di attrezzatura investire.

PASSO 1: UNA BUONA VIDEOCAMERA

Se hai poco budget, guardati in tasca: gli smartphone di ultima generazione riescono a creare video di qualità più che buona (specialmente modelli come gli iPhone 6 o Samsung S7). Se vuoi filmare da laptop o pc, assicurati di avere una webcam HD.

Posiziona il tuo smartphone su una superficie rialzata rispetto a te, trova la giusta inquadratura e inizia a filmare. Potresti aiutarti con alcuni libri, per esempio.

Ricorda di registrare alla qualità massima e di svuotare periodicamente la memoria del cellulare: i video ad alta risoluzione occupano tanto spazio!

Qualche consiglio:

  • Abituati a guardare verso la lente dell’obiettivo dello smartphone (e non lo schermo!), altrimenti sembrerà che tu non stia guardando il tuo pubblico.
  • Lo smartphone va tenuto in orizzontale, non in verticale!
  • Dovresti posizionare lo smartphone appena sopra il livello dei tuoi occhi, oppure rischi di riprenderti in modo innaturale.

Cerca di spendere un po’ di tempo in questa parte per trovare un assetto ottimale: stai cercando di fare in maniera gratuita una cosa che costa centinaia di €uro, se ti rivolgi a dei professionisti. Qualche intoppo, specialmente all’inizio, è normale. Ma vedrai, il risultato che uscirà sarà più che adatto ai social.

PASSO 2: L’ILLUMINAZIONE

È la cosa che maggiormente inizia a fare la differenza tra un video professionale e uno fatto “a ca**o”. Se non hai una buona illuminazione, farai fatica ad avere un “look” che si sollevi dal 99% dei video amatoriali che girano sui social. Un paio di raccomandazioni che puoi applicare aggratis e ottenere un ottimo risultato:

  • Costo zero, ce n’è quanto ne vuoi: il sole! Trova una location esterna o una stanza ordinata, carina, quanto più possibile silenziosa. E, chiaramente, illuminata quanto più possibile dal sole nel momento della giornata in cui sai che girerai il video.
  • Se non hai modo di avere un’illuminazione solare ottimale o vuoi semplicemente girare con luce artificiale, utilizza una o più lampade da tavolo direzionabili. Ricordati di usare delle lampadine a fluorescenza: se ne utilizzi di altri tipi, rischi di trovarti il volto tutto giallognolo.
  • Trucchetto: fai in modo che la fonte di luce punti direttamente sul tuo volto in modo che risulti illuminato in maniera uniforme.

PASSO 3 : L’AUDIO

Probabilmente uno dei crucci di chi fa video: l’audio professionale è veramente difficile da ottenere, anche da chi ha investito parecchio in questo campo.
Cosa possiamo fare quindi? Da una parte la tecnologia ci viene in soccorso perché i microfoni dei nostri smartphone e di molti laptop non sono affatto male.
Dobbiamo sfruttarli al massimo, però: ci metteremo quindi di fronte al device, piuttosto vicini e, soprattutto, in condizione di silenzio assoluto. Se siete in esterna cercate un luogo veramente poco trafficato e sinceratevi che non ci sia vento.

 

PASSO 4: UNO SFONDO ADATTO AL TUO VIDEO

Lo sfondo non può essere lasciato al caso: altro trucco per dare un tono professionale al video è scegliere il background in base al genere del tuo contenuto. È chiaro che se fai video comici non puoi pensare di avere lo stesso sfondo di un consulente di digital marketing.

Per fare bella figura non serve un granché: studia il tuo sfondo, costruisci la tua locationanche con poche cose che puoi avere già a disposizione. Un divano, penne, un computer, una libreria (un buon bicchiere di vino – o birra, ancora meglio) e potresti già essere a posto. Componi il tuo angolo per le riprese e premi play: il gioco è fatto a costo 0.

PASSO 5: SOFTWARE DI EDITING

Bad news, questa volta: non tanto per il prezzo quanto per il fatto che, se sei all’asciutto dell’utilizzo di montaggio, ti toccherà fare qualche esperimento e fare un po’ di pratica sul montaggio (due software free che fanno il loro sporco lavoro senza troppi fronzoli sono iMovie per Mac Windows Movie Maker per, indovina… Windows, esatto! HitFilm è un’altra ottima alternativa che ha versioni free o a pagamento).

Ma niente paura: questi software sono estremamente intuitivi e con un po’ di applicazione capirai come ottenere video asciutti e ben editati che la tua audience sui social non potrà che apprezzare.

 

PASSO 6: SOFTWARE PER LA GRAFICA

Potresti (dovresti) volere creare una copertina per il tuo video: a meno che tu non sia un grafico di professione, puoi comunque appoggiarti a piattaforme che fanno quasi tutto il lavoro per te. Prova Canva, ha un sacco di features per creare contenuti ad hoc anche per i social.

Se ti servono immagini ad alta definizione e non vuoi preoccuparti dei copyright, puoi provare siti come UnsplashGratisographyPixabay, oppure Pexels.

* * *

Ora non ti resta che sperimentare e trovare il format che vada incontro ai gusti del tuo pubblico sui social. Di certo il video è un contenuto da implementare e curare quanto più possiamo in questo 2017: specialmente su Facebook la direzione intrapresa è quella di privilegiare i contenuti di questo tipo.

Ci leggiamo al prossimo articolo, se vuoi investire un po’ di budget per ottenere risultati ancora più professionali.

Nel frattempo… ciak, azione!

By | 2018-03-19T20:52:40+00:00 marzo 19th, 2018|facebook, marketing, social media, Videos|